The Other Side of the Wind rimasto incompiuto per decenni ritorna sul set dopo quarant’anni grazie a Netflix. Girato tra il 1970 e il 1976 dal leggendario Orson Welles, il film non fu portato a termine per assenza di finanziamenti ma adesso è proprio il produttore Frank Marshall, manager dall’edizione originale del film, a esclamare: “Non riesco ancora a crederci, ma dopo 40 anni di tentativi, sono davvero grato per la passione e la perseveranza con cui Netflix ci ha concesso, finalmente, di poter entrare in sala montaggio per finire l’ultimo film di Orson”. Peter Bogdanovich, tra i registi e amici di Welles che hanno collaborato al lungometraggio, farà da supervisore del completamento e del restauro della pellicola rispettando così la volontà del regista che gli aveva affidato la conclusione del progetto nel caso “gli fosse successo qualcosa”.
The Other Side of The Wind racconta dell’ultima notte di un vecchio regista, J.J. “Jake” Hannaford (interpretato da John Huston), che sta vivendo il tramonto della propria carriera. Alle prese con un film a basso costo per conquistare le richieste del nuovo pubblico, il regista finirà per innamorarsi del suo protagonista mentre si cimenta con riprese estremiste, piene di nudi.La tematica dell’omosessualità, molto diversa da quelle abituali usate da Welles, lascia comunque spazio all’impronta satirica del regista. Ted Sarandos, responsabile dei contenuti della piattaforma, ha dichiarato:  “Come molti altri che sono cresciuti adorando il mestiere e la visione di Orson Welles, questo è un sogno che diventa realtà. La promessa di poter portare al mondo quest’opera incompiuta di Welles con la sua vera intenzione artistica intatta è un motivo di orgoglio per me e per Netflix. I cinefili e gli appassionati di cinema di tutto il mondo vivranno la magia di Orson Welles, ancora una volta o per la prima volta”.

 

di Maria Casillo

A proposito dell'autore

La redazione di MCT Master in Cinema e Televisione cura la pubblicazione e la correzione di ogni articolo scritto dai nostri stagisti per la testata online.

Post correlati